le reazioni avverse dei vaccini sui gatti bengala


Recentemente, la vaccinazione dei gatti ha ricevuto un'attenzione scientifica e pubblica in seguito alla supposizione che una serie di effetti avversi rari possano insorgere in seguito alla vaccinazione.

Nei gatti, la più grave di queste conseguenze avverse è l'insorgenza di sarcomi invasivi (per lo più fibrosarcomi), i cosiddetti "sarcomi del sito di iniezione felina" (FISS), che possono svilupparsi all'interno della pelle nei siti di precedente vaccinazione.

Una task force è stata istituita ed è regolarmente aggiornata negli Stati Uniti per aiutare i veterinari a comprendere, gestire e prevenire questi tumori (Morrison and Starr, 2001; Task Force Sarcoma felino-associata, 2005).

Nonostante la vasta ricerca sulla patogenesi di questi sarcomi, non esiste una relazione causale definitiva che spieghi la loro presenza e il legame diretto con la vaccinazione. L'ipotesi più accreditata suggerisce che la reazione infiammatoria cronica nel sito di iniezione fornisca un trigger per la successiva trasformazione maligna. Poiché la patogenesi di FISS non è stata ancora completamente compresa, le seguenti raccomandazioni ABCD sul modo migliore per evitare il loro verificarsi a volte si basano solo sull'opinione degli esperti.

Nei gatti, i sarcomi invasivi (per lo più fibrosarcomi), i cosiddetti "sarcomi del sito di iniezione felina" (FISS) sono l'effetto avverso più grave dopo la vaccinazione.

Si sviluppano in siti di vaccinazione o iniezione. Hanno caratteristiche che sono distinte da quelle dei fibrosarcomi in altre aree e si comportano in modo più aggressivo.

Il tasso di metastasi varia dal 10 al 28%.


Sezioni istologiche di una massa di 2 cm di diametro rimossa dal torace laterale di un gatto domestico di tredici anni a domicilio. Una massa interscapolare simile era stata rimossa da questo gatto 2 mesi prima. (a) Un punto focale dell'infiammazione linfoplasmatica è contenuto nel sarcoma circostante. (b) L'ingrandimento maggiore del tessuto neoplastico rivela una popolazione pleomorfa di cellule fusiformi neoplastiche con nuclei giganti occasionali e attività mitotica irregolare (freccia). Ematossilina e colorante eosina. Per gentile concessione di Michael Day, Scuola di Scienze Veterinarie, Università di Bristol, Regno Unito.


 
La patogenesi di questi sarcomi non è ancora definitivamente spiegata. Secondo l'ipotesi più ampiamente accettata, le reazioni infiammatorie croniche sono considerate un fattore scatenante per la successiva trasformazione maligna.

I vaccini adiuvati inducono un'intensa infiammazione locale ed è stato suggerito che siano collegati allo sviluppo di FISS.

Il rischio è probabilmente inferiore per i vaccini modificati vivi e ricombinanti, ma nessun vaccino è privo di rischi.

Anche l'iniezione di vaccini a freddo è stata associata ad un rischio più elevato di FISS. Inoltre, le iniezioni di farmaci a lunga durata d'azione (come i glucocorticoidi e altri) sono state associate alla formazione di sarcoma.

Per la prevenzione, l'iniezione di qualsiasi sostanza irritante dovrebbe essere evitata. La vaccinazione deve essere eseguita tutte le volte che è necessario, ma il meno frequentemente possibile. I vaccini devono essere portati a temperatura ambiente prima della somministrazione.

I vaccini non adiuvati, modificati, vivi o ricombinanti dovrebbero essere preferiti rispetto ai vaccini adiuvati.

Le iniezioni dovrebbero essere somministrate in siti in cui la chirurgia potrebbe portare a una cura completa; la regione interscapolare dovrebbe generalmente essere evitata.

 

La prevenzione consiste in tre considerazioni generali.

Innanzitutto, le iniezioni nei gatti dovrebbero sempre essere somministrate in siti in cui l'intervento chirurgico (come l'amputazione di un arto o l'escissione della pelle addominale laterale) probabilmente porterà a una cura completa con la procedura chirurgica meno complicata.

In secondo luogo, devono essere seguite raccomandazioni generali per ridurre la reazione infiammatoria nei siti di iniezione, come evitare la somministrazione di sostanze irritanti.

E in terzo luogo, si consiglia di vaccinare quando necessario, ma il meno frequentemente possibile (ad esempio secondo i principi delle attuali linee guida di vaccinazione, come evitare la vaccinazione FeLV in gatti già infetti da FeLV o vaccinazione con panleucopenia felina in gatti con preesistente anticorpi contro FPV).

 
In generale, iniettando distalmente in una gamba aiuti nel trattamento dei sarcomi successivi (per amputazione della gamba) perché questi tumori sono molto difficili da asportare completamente e spesso si ripresentano dopo la resezione  

La somministrazione di vaccini (o altre iniezioni) tra le scapole è generalmente controindicata in quanto la resezione del tumore è quasi impossibile in questa sede.
 

Oltre a considerare i siti di iniezione appropriati, il monitoraggio post vaccinazione gioca un ruolo importante.

I siti di vaccinazione dovrebbero essere registrati e i veterinari dovrebbero istruire i loro clienti a monitorare i siti di vaccinazione (o iniezione) tenendo sotto controllo gonfiore o noduli al fine di rilevare potenziali sarcomi in anticipo e in un momento in cui possono essere rimossi con successo .

 

Per quanto riguarda le raccomandazioni generali per prevenire reazioni infiammatorie nei siti di iniezione, ci sono alcune regole da seguire. Generalmente, i gatti dovrebbero ricevere il minor numero possibile di iniezioni sottocutanee.

Le iniezioni intramuscolari nei gatti dovrebbero essere evitate perché i tumori intramuscolari si sviluppano con una frequenza simile, ma sono più difficili da rilevare precocemente. Quando possibile, i gatti devono ricevere farmaci per via orale o endovenosa. L'iniezione sottocutanea di sostanze irritanti a lunga durata d'azione (come i glucocorticoidi a lunga durata d'azione) deve essere evitata.

 

Uno studio ha esaminato i potenziali fattori di rischio durante la somministrazione di vaccini e pochi fattori sono stati associati allo sviluppo di FISS. È stato osservato che la dimensione dell'ago e della siringa, la velocità di iniezione e se la pressione manuale è stata applicata dopo l'iniezione o meno, non ha avuto alcun ruolo. Al contrario, la temperatura del vaccino ha fatto una differenza significativa, con i vaccini a freddo associati ad un più alto rischio di sviluppo FISS rispetto ai vaccini a temperatura ambiente.

Pertanto, i vaccini devono essere prelevati dal frigorifero circa 15 minuti prima dell'iniezione, ma non molto più a lungo per evitare una riduzione dell'efficacia vaccinale.

 
Per quanto riguarda il rischio di sviluppo di FISS, i vaccini intranasali devono essere preferiti rispetto ai vaccini iniettabili nei gatti. Tuttavia, nella maggior parte dei paesi sono disponibili solo vaccini iniettabili.

 

 

CONCLUSIONI

La vaccinazione dei gatti fornisce una protezione essenziale e non deve essere interrotta a causa del rischio di FISS.
I vaccini non sono gli unici prodotti medicali iniettabili associati a FISS.
Un programma di vaccinazione ragionato è importante. I gatti dovrebbero essere vaccinati solo tutte le volte necessarie in conformità con le linee guida attuali.
Dovrebbero essere selezionati siti appropriati per le iniezioni. La regione interscapolare dovrebbe generalmente essere evitata.

I vaccini devono essere iniettati in un sito in cui una massa può essere facilmente rimossa chirurgicamente, preferibilmente distalmente in un arto.
I vaccini dovrebbero essere portati a temperatura ambiente prima della somministrazione, ma non dovrebbero essere mantenuti non refrigerati per ore
L'iniezione sottocutanea è preferibile all'iniezione intramuscolare.
I vaccini non adiuvati sono generalmente preferiti rispetto a quelli contenenti adiuvante. Pertanto, i vaccini vivi modificati o i vaccini ricombinanti, che di solito sono senza adiuvante, sono preferiti rispetto ai vaccini inattivati ​​che contengono adiuvante, se disponibile e dimostrato ugualmente efficace. I vaccini con una lunga durata di immunità dovrebbero essere preferiti a quelli con breve durata di immunità.
Il monitoraggio post-vaccinazione deve essere eseguito. Qualsiasi grumo nel sito di iniezione che è ancora presente tre mesi dopo la vaccinazione, che è più grande di due cm di diametro, o che è di dimensioni crescenti un mese dopo la vaccinazione deve essere rimosso chirurgicamente e presentato per istopatologia.


  fonte: http://www.abcdcatsvets.org/feline-injection-site-sarcoma-2/


Ottieni le novità



Articoli pubblicati 20

 Gli ultimi articoli

Argomenti

Seguici nei social




0

© Copyright Khoomfay® Allevamento gatti bengala.it 2006. All Rights Reserved

var message="I testi contenuti in questo sito sono protetti da Copyright."; function clickIE4(){ if (event.button==2){ alert(message); return false; } } function clickNS4(e){ if (document.layers||document.getElementById&&!document.all){ if (e.which==2||e.which==3){ alert(message); return false; } } } if (document.layers){ document.captureEvents(Event.MOUSEDOWN); document.onmousedown=clickNS4; } else if (document.all&&!document.getElementById){ document.onmousedown=clickIE4; } document.oncontextmenu=new Function("alert(message);location.reload();return false;") // -->